RECENSIONE Bohéme

La Nuccio si distingue innanzitutto per il suo timbro giovane e fresco, perfetto per la parte, il fraseggio è curato ed espressivo, i pianissimi ben controllati, con l’avanzare della vicenda acquisisce i necessari toni più passionali e drammatici ed il pubblico alla fine la gratifica con meritati applausi.

http://www.musiculturaonline.it/la-boheme-apre-a-liegi-la-stagione-del-bicentenario/?fbclid=IwAR3mRYWgvg3Kwv4UhkZsyyEJm6gmAzcU6LBkUPLVg3vczlRPr5W5OdvrSqQ

RECENSIONE FALSTAFF

l’etereo e prezioso  splendore vocale di Jessica Nuccio – Nannetta. Freschezza, fraseggio miniato e soffio etesio tratteggiano una fanciulla innamorata in un mondo di adulti la cui bocca baciata non perde ventura mai.
Operaclik